LA GSX R HAYABUSA

Storia della Suzuki Gsx R Hayabusa

La storia della Gsx R Hayabusa

Il progetto della nuova Gsx R Hayabusa 2010 l0 (k10) è la continuazione della moto nata nel 2008, con valvole in titanio, frizione antisaltellamento e un motore Suzuki da 1340 cc da oltre 190 cv
Gsx R Hayabusa
Gsx R Hayabusa k8
Gsx R Hayabusa k9
Gsx R Hayabusa l0
Gsx R Hayabusa l2

La Gsx R Hayabusa 1300 viene presentata per la prima volta nel 1999.
L'Hayabusa del 1999 presenta un motore a 4 cilindri a 4 tempi ad iniezione raffreddato a liquido di 1298 cc.
La peculiarità di questa Gsx R Hayabusa è subito stata, sin dagli inizi, la straordinaria potenza e velocità di punta, prestazioni che saltarono subito all'occhio, visto la sua destinazione su strada.
Nel 2002, Suzuki fece le prime modifiche notevoli sulla Gsx R Hayabusa k2, dotandola di una nuova e più potente centralina di 32 bit e una sonda lamda per il controllo dei gas di scarico.
Nel 2008, Suzuki moto rivoluzione forse per la prima volta la Gsx R Hayabusa, infatti, la Gsx R Hayabusa k8 fa subito notare le modifiche grafiche rispetto all'Hayabusa precedente.
La forma della nuova Hayabusa 2008 è visibilmente più essenzializzata, più moderna e la modifica estetica più notevole sono le nuove marmitte triangolari e rastremate.
Il motore della Gsx R Hayabusa k8 ha invece avuto una grossa rivoluzione, in quanto la cilindrata totale è passata da 1298 cc dell'Hayabusa precedente a 1340 cc, il che ha portato ad un aumento della potenza e della coppia a tutti i regimi del motore.
Questa nuova generazione di Gsx R Hayabusa nata nel 2008 ha anche importato alcune tecnologie delle Gsx R minori, come i cilindri SCEM, rivestiti con lo speciale trattamento Suzuki al carburo di silicio-fosforo-nichel e le leggerissime valvole in titanio. Anche i pistoni e l'albero motore sono forgiati come le Gsx R minori. Inoltre, l'Hayabusa k8 può contare sulle candele all'iridio, sulle bielle in cromo molibdeno e su un nuovo radiatore incurvato.