LA GSX R 600 L2

Gsx R 600 l2

AVANZATA TECNOLOGIA

Telaio pių leggero e compatto

La nuova Gsx R 600 l2Il leggero telaio della Gsx R 600 l2La Gsx R 600 l2 2012 ha un'avanzata tecnologia del motore collaudata in gara, compattezza nelle dimensioni, leggerezza, agilità e una particolare attenzione per i consumi e le emissioni. La Gsx R 600 l2 è la supersportiva per definizione, in linea con tutti i requisiti essenziali per gareggiare nei più importanti campionati racing.
La Gsx R 600 l2 è dotata di un leggero telaio a doppia trave in alluminio compatto e leggero. Il motore è stato ruotato di tre gradi all’indietro; questo permette una ridotta distanza fra l’asse anteriore e il perno del forcellone. Il corto interasse consente di centrare meglio la massa combinata moto/pilota fra le due ruote, migliorando le prestazioni in curva e riducendo la distanza tra manubrio e sella.
La Gsx R 600 l2 è accomunata dalla stessa progettazione della Gsx R 750 l2: compatto e potente motore a quattro tempi, quattro cilindri, raffreddato a liquido. Il motore è di tipo superquadro con un alesaggio più ampio e una corsa più corta, per un rapporto alesaggio/corsa che contribuisce ad un’ottima efficienza consentendo regimi di giri più elevati.
Il sistema di scarico in acciaio inossidabile quattro in uno, ha quattro tubi e un unico collettore. Il tubo intermedio ospita la valvola a farfalla servocontrollata del sistema di parzializzazione dello scarico SET, che ottimizza la contropressione dello scarico rispetto al regime del motore, alla posizione del gas e al rapporto innestato, massimizzando la coppia e la risposta del gas, soprattutto nella fascia dei regimi medio-bassi.
Il radiatore trapezoidale è dotato di una ventola che si attiva e disattiva a seconda della temperatura raggiunta dal liquido refrigerante e migliora quindi le prestazioni di raffreddamento.
Pistoni forgiati più leggeri Sulla Gsx R 600 l2 sono montati pistoni forgiati leggeri e resistenti, progettati con il metodo degli elementi finiti FEM (Finite Element Method). La maggiore leggerezza dei pistoni si traduce in una riduzione del peso delle masse non sospese, meno perdite meccaniche e prestazioni superiori in termini di risposta del gas, accelerazione ed erogazione del motore.
I profili dell’albero a camme producono una curva tale da migliorare la risposta del gas, la coppia ai medi regimi e il picco di erogazione del motore, evitando inoltre un innalzamento eccessivo della molla della valvola agli alti regimi.
Il risultato su circuito si traduce in una migliore uscita dalle curve e velocità massime più elevate. Su strada l’accelerazione da fermo è migliorata grazie ai corti rapporti e ad una pronta risposta del gas. Telaio più leggero e compatto.

Stato dell'arte della progettazione del motore

Il motore della Gsx R 600 l2La centralina ECM della Gsx R 600 l2 controlla il sistema di iniezione del carburante, il sistema di accensione e diversi sistemi di controllo delle emissioni.
L’azione combinata di questi sistemi migliora la reattività del motore, ne aumenta la potenza riducendo al contempo consumi ed emissioni.
Il sistema SDTV è composto da due corpi farfallati: una valvola a farfalla primaria collegata al cavo del gas, e una valvola secondaria controllata dalla ECM che monitora i giri del motore, la posizione della valvola primaria e la posizione della marcia.
La valvola secondaria è aperta o chiusa dal sistema in modo progressivo per mantenere costante la velocità di aspirazione dell’aria.
I moderni iniettori adottati sulla Gsx R 600 l2 sono equipaggiati con 8 piccoli fori per un’atomizzazione fine del carburante per una migliore combustione.
Anche la quantità di carburante inviata agli iniettori è determinata dalla ECM che ne controlla il tempo di attività.

Sistema digitale della gestione del motore

Anche le Gsx R 600 l2 utilizza il sistema Suzuki S-DMSLa ECM della Gsx R 600 l2 controlla anche il sistema automatico di controllo del minimo (ISC), rilevando automaticamente la temperatura del refrigerante e regolando la quantità d’aria da inviare al corpo farfallato primario in fase di avvio del motore a freddo.
Il sistema ISC migliora la messa in moto, riduce le emissioni durante l’avviamento a freddo e stabilizza il minimo nelle diverse condizioni d’uso.
Anche il collaudato sistema di aspirazione dell’aria Suzuki PAIR è controllato dalla ECM della Gsx R 600 l2.
Un catalizzatore incorporato nella camera di scarico sotto il motore, riduce ulteriormente le emissioni di gas HC, CO e NOx.
Anche le Gsx R 600 l2 utilizza il sistema S-DMS che consente al pilota di scegliere una delle due mappature disponibili: una per la massima potenza e una per prestazioni più controllate. Il passaggio da un setting all’altro è istantaneo in modo da poter adottare la migliore mappatura a seconda della tipologia di viaggio, delle condizioni atmosferiche e dell’asfalto.

Sospensioni da gara regolabili

Forcelle con sistema BPFRegolazione esterna delle forcelle BPF sulla Gsx R 600 l2La Gsx R 600 l2 monta il sistema di sospensione anteriore con forcella BPF rovesciata Showa sviluppata per le gare. Il sistema BPF utilizza un singolo pistoncino; le prestazioni di smorzamento risultano più precise e fluide grazie alle dimensioni del pistone BPF e degli spessori delle valvole. Il mono-ammortizzatore posteriore Showa consente la regolazione esterna dello smorzamento per il ritorno e la compressione.
Il freno anteriore ha un doppio disco flottante da 310 mm e pinze monoblocco a quattro pistoncini Brembo con montaggio radiale. La leva del freno anteriore rispetto al manubrio è regolabile in 6 posizioni, tramite una pratica rotella. I poggiapiedi della Gsx R 600 l2 sono regolabili in tre diverse posizioni lungo un intervallo orizzontale e verticale di 14 mm, per garantire il massimo del comfort al pilota con una posizione di guida più rilassante in strada, nonché la migliore piega in curva con una posizione di guida più racing.

Quadro strumenti

Quadro strumenti completo e regolabileIl quadro strumenti della Gsx R 600 l2 è compatto, leggero e di facile lettura. Incorpora un laptimer/cronometro di serie e l’indicatore dei giri motore sequenziale programmabile.
Al centro del quadro strumenti è posizionato un contagiri analogico con a fianco un display LCD che fornisce una serie di informazioni su tachimetro, contachilometri, doppio parziale, chilometri percorribili in riserva, orologio, temperatura refrigerante/indicatore pressione olio, indicatore S-DMS e indicatore della marcia inserita.
Un sistema di antifurto con immobilizer a codice è montato di serie, con un LED aggiuntivo nel quadro strumenti.
La luminosità dei LED è regolabile in modo da essere visibile a seconda dell’illuminazione stradale.

Migliore aerodinamica

Carrozzeria aerodinamica della Gsx R 600 l2La Gsx R 600 del 2012La carrozzeria della Gsx R 600 l2 ha superato rigorosi test di qualità e durata Suzuki.
Le linee curve e filanti, con estremità angolate e una particolare attenzione al miglioramento del flusso d’aria sulle fiancate e sulla parte inferiore, consentono di ridurre la superficie della carrozzeria della Gsx R 600 l2, di diminuire il peso e migliorare l’aerodinamica.
Lo sviluppo della carrozzeria in galleria del vento è stato eseguito con il pilota a bordo per ottenere una carrozzeria più piccola, leggera e meno strutturata, senza perdere in efficienza aerodinamica.
Nel confronto con le precedenti Gsx R 600, la Gsx R 600 l2 è addirittura 9 Kg più leggera; un dato che garantisce il miglior rapporto peso/potenza fra le supersportive in commercio da 600 cc.

Foto Gsx R 600 l2